Indietro

Misure per la gestione del rischio di alluvione e per la riduzione del rischio idrogeologico

Qual è l’obiettivo dell’investimento?

Ridurre gli interventi di emergenza, sempre più necessari a causa delle frequenti calamità, e intervenire in modo preventivo attraverso un programma ampio e capillare. Gli interventi strutturali, volti a mettere in sicurezza da frane o ridurre il rischio di allagamento, saranno affiancate da quelli non strutturali, focalizzati sul mantenimento del territorio. L’obiettivo è mettere in sicurezza 1,5 milioni di persone oggi a rischio.

Costo totale dell'investimento 2,49 mld
  • Parità di genere
  • Riduzione del divario di cittadinanza
Dettagli aggiuntivi

Le minacce dovute al dissesto idrogeologico in Italia, aggravate dagli effetti dei cambiamenti climatici e dall’assenza di un’efficace politica nazionale di prevenzione sul territorio, compromettono in Italia la sicurezza della vita umana, l’agricoltura e il turismo, la tutela delle attività produttive, degli ecosistemi e della biodiversità, dei beni ambientali e archeologici. Per ridurre i rischi sono necessari interventi sia di tipo strutturale, volti cioè a mettere in sicurezza da frane o a ridurre il rischio di allagamento, sia non strutturale, concentrati sul mantenimento del territorio, sulla riqualificazione, sul monitoraggio e sulla prevenzione. Nelle aree colpite da calamità si provvederà al ripristino di strutture e infrastrutture pubbliche danneggiate, nonché alla riduzione del rischio residuo per tutelare l'incolumità pubblica e privata.

Quali sono i benefici?

  • Messa in sicurezza di 1.5 milioni di persone oggi a rischio
  • Realizzazione, a scopo preventivo, degli interventi previsti dai piani di gestione del rischio idrico e di alluvione
  • Mantenimento e riqualificazione del territorio per scongiurare il dissesto idrogeologico
  • Ripristino di strutture e infrastrutture pubbliche danneggiate nelle aree colpite da calamità

Momenti fondamentali e Spesa prevista

Le tappe fondamentali