Qual è l’obiettivo dell’investimento?

La misure mira a potenziare gli spazi pubblici in una prospettiva di sostenibilità attraverso interventi urbanistici innovativi. Intervenire sulle strutture pubbliche (scuole e università) e private per migliorare la resistenza agli eventi sismici e l'efficientamento energetico, aumentare la mobilità tra le aree rurali, assicurare servizi ai cittadini e alle imprese. Rendere più moderne le infrastrutture tecnologiche per ridurre il consumo energetico delle aree urbane.  

Costo totale dell'investimento 1,78 mld
  • Riduzione del divario di cittadinanza
Dettagli aggiuntivi

Il progetto, destinato a tutte le aree del Centro Italia colpite da numerosi eventi sismici negli ultimi 15 anni, è suddiviso in due macromisure (A e B) di intervento finalizzate a porre rimedio alle conseguenze degli eventi che ne hanno seriamente influenzato la vivibilità, con effetti duraturi sulla vita urbana e socio-economica: la prima dal titolo "Città e paesi sicuri, sostenibili e connessi"; la seconda dal titolo "Rilancio economico e sociale".
I principali campi di intervento riguardano le aree perimetrali già fortemente colpite da eventi cataclismici e che richiedono quindi misure specifiche di ricostruzione sicura e sostenibile, garantendo un processo di riattivazione economica, ambientale e sociale dei territori.

 

Quali sono i benefici?

Intervenire nelle aree colpite dal terremoto garantirà ai residenti:
  • Rifioritura delle attività economiche servizi, strutture e collegamenti adeguati
  • Coesione sociale, sicurezza e la sostenibilità su tutto il territorio
  • Migliorare i sistemi di prevenzione
  • Infrastrutture energetiche innovative per ridurre i consumi

Momenti fondamentali e Spesa prevista

Le tappe fondamentali