Qual è l’obiettivo dell’investimento?

Aumentare la produzione italiana di energie rinnovabili e ridurre la dipendenza da produttori stranieri, potenziando le filiere nei settori fotovoltaico e batterie e sviluppando una leadership nazionale in R&D (Research and development, Ricerca e sviluppo), innovazione e brevetti.

Costo totale dell'investimento 1 mld
  • Giovani
Dettagli aggiuntivi

Il sistema energetico europeo subirà una rapida trasformazione nei prossimi anni, concentrandosi sulle tecnologie di decarbonizzazione. I settori in cui sono attesi i maggiori investimenti, sia pubblici che privati, sono quelli del solare e dell’eolico onshore, ma in rapida crescita sarà anche il ruolo degli accumuli elettrochimici.  E' importante promuovere la filiera nazionale (sia industriale che di ricerca e sviluppo) nei principali settori della transizione energetica: con un mercato oggi dominato da produttori asiatici e cinesi (70 per cento della produzione di pannelli solari), all'Italia e all'Europa si presenta un’opportunità unica per sviluppare un'industria in grado di competere a livello globale. L'investimento prevede due progetti. Il primo è dedicato alle competenze tecnologiche necessarie per mettere in funzione i nuovi impianti produttivi. Il secondo si concentra sugli impianti per la produzione di pannelli solari flessibili e ad alta efficienza.

Quali sono i benefici?

  • Sviluppo di filiere nazionali per la produzione di energie rinnovabili
  • nuovi posti di lavoro, nuove capacità e nuove competenze
  • investimenti in infrastrutture high-tech e automazione, R&D, brevetti e innovazione

Momenti fondamentali e Spesa prevista

Le tappe fondamentali