Indietro

Supporto a start-up e venture capital attivi nella transizione ecologica

Qual è l’obiettivo dell’investimento?

Incoraggiare e stimolare la crescita di un ecosistema di innovazione concentrato sui settori della transizione verde (rinnovabili, mobilità sostenibile, efficienza energetica, economia circolare, trattamento rifiuti, batterie), tramite investimenti diretti e indiretti. 

Costo totale dell'investimento 250 mln
  • Giovani
Dettagli aggiuntivi

L’innovazione - nata in laboratori di ricerca, start up o PMI - è un elemento indispensabile per abilitare e accelerare la transizione ecologica. L’Italia offre un terreno particolarmente fertile per lo sviluppo di start-up verdi: siamo il nono Paese al mondo per qualità della ricerca nelle scienze ambientali, e tra i Paesi con il maggior bacino di talenti e con le migliori università in materie STEM. L'evidente fallimento nel trasferire i risultati della ricerca scientifica al mercato (brevetti e business innovativi) pone però limiti importanti alla capacità del Paese di sviluppare a scala soluzioni ecologiche innovative.
L’obiettivo dell’intervento è quindi la crescita di un ecosistema di innovazione, con focus particolare sui settori della transizione verde, tramite investimenti di venture capital diretti e indiretti. E' prevista la creazione di un fondo dedicato (“Green Transition Fund”, GTF), con una dotazione di 250 milioni di euro e una strategia focalizzata sui settori green a copertura delle diverse fasi di sviluppo, con investimenti nei fondi più rilevanti di venture capital, in startups e incubatori/programmi di accelerazione, al fianco dei più rilevanti VC managers e operatori del sistema.

Quali sono i benefici?

  • Un sostegno a startup e incubatori di accelerazione

Momenti fondamentali e Spesa prevista

Le tappe fondamentali