Qual è l’obiettivo dell’investimento?

Diffondere gli impianti agro-voltaici (metà agricoltura e metà fotovoltaico) di medie e grandi dimensioni per avere una agricoltura sostenibile e una produzione energetica da fonti rinnovabili. L’obiettivo è di ridurre i costi di approvvigionamento energetico del settore (oggi superano il 20 per cento dei costi aziendali) e migliorare le prestazioni climatiche e ambientali, con una diminuzione potenziale di 0,8 milioni di tonnellate di CO2. 

Costo totale dell'investimento 1,10 mld
  • Giovani
  • Riduzione del divario di cittadinanza
Dettagli aggiuntivi

Il settore agricolo è responsabile del 10 per cento delle emissioni di gas serra in Europa. L’investimento si propone di migliorare le prestazioni climatico-ambientali e di rendere, allo stesso tempo, l’agricoltura più competitiva, riducendo i costi di approvvigionamento energetico (stimati oggi pari a oltre il 20 per cento dei costi variabili delle aziende, con punte ancora più elevate per alcuni settori erbivori e granivori) attraverso la diffusione di impianti agro-voltaici di medie e grandi dimensioni.
Le misure previste riguardano, innanzitutto, l'implementazione di sistemi ibridi agricoltura-produzione di energia che non compromettano l'utilizzo dei terreni dedicati all'agricoltura, ma contribuiscano alla sostenibilità ambientale ed economica delle aziende coinvolte, potenzialmente anche valorizzando i bacini idrici tramite soluzioni galleggianti. Un accurato monitoraggio delle realizzazioni e della loro efficacia, con la raccolta dei dati sia sugli impianti fotovoltaici sia su produzione e attività agricola sottostante, permetterà di valutare il microclima, il risparmio idrico, il recupero della fertilità del suolo, la resilienza ai cambiamenti climatici e la produttività agricola per i diversi tipi di colture.
Installare, a regime, una capacità produttiva da impianti agro-voltaici di 1,04 GW, produrrebbe circa 1.300 GWh annui, con una riduzione delle emissioni di gas serra stimabile in circa 0,8 milioni di tonnellate di CO2.

Quali sono i benefici?

  • Avere una agricoltura più sostenibile e ridurre l’impatto del settore sulla produzione di gas serra.
  • Produrre energia da fonti “pulite” e rinnovabili.
  • Rendere le aziende più tecnologiche e competitive.

Momenti fondamentali e Spesa prevista

Le tappe fondamentali